1. …. physisevento…poyetykeventy………….πρὸς ἀνδρὸς μὴ βλέποντος ἄρκεσις;
    ὄσ᾽ἂν λέγωμεν πάνθ᾽ ὁρῶντα λέξομεν.
    Sofocle, Edipo a Colono, vv. 73 ss.
    Ma quale garanzia può venire da un uomo che non può guardare?
    Tutto ciò che possiamo dire, lo vediamo dicendolo.
    ἄρκεσις «garanzia» – cosa egli offre a valido sostegno.
    βλέπειν «guardare» – avere la veduta dell’ente, delle cose
    e degli accadimenti. In tutto questo, quest’uomo
    è smarrito. Egli è cieco nei confronti dell’ente.
    ὁρᾶν «vedere» – avere occhio per l’«essere» – il destino –
    la verità dell’ente. Questo vedere è la vista del
    dolore dell’esperienza. La capacità di soffrire fino
    alla pena del completo velamento dell’andar-via.
    *
    Questa «es-posizione» non descrive e non fornisce un resoconto; non è né «sistema» né «aforisma». Solo in apparenza è «es-posizione». Essa è un tentativo della parola che risponde, che fonda; il Dire della divergenza; ma un cammino su un sentiero interrotto.
    A partire dai Contributi alla filosofia (Dall’evento), trasformare tutto in questo Dire.
    *
    Il destino dell’Essere si consegna ai pensatori
    Sotto ognuna delle parole fondamentali è detto lo Stesso, l’evento. La loro successione è determinata in base all’essenza della divergenza, alla cui insistenza il Dire è talvolta transpropriato.
    Le parole fondamentali sono tracce, che, in un circolo attorno all’evento no
    ..