ikona

gpdimonderose – Artista – Celeste Network

  1. gpdimonderose – Artista – Celeste Network.È poetantEVENTO creativo creativa Exstasi In sé. EssereCreatorEVENTO L’è è in sé esserC’EVENTO pensantEVENTOd’incertezza. Paradigma d’incertezza d’esserci creArte . Di sé C’è vi è creazione crea creazione Krisi-della-scienza crea in sé spaziotempo in sé ESSere-nel-nulla già-essere- nulla in sé in sé È spazio. È in sé in sé elasticità l’exstasi è il nulla solo il nulla nel nulla eventux nel mondo, quelli in cui la volontà arriva piena conoscenza di sé, poi troviamo solo una transizione dal desiderare, per timore, verso l’ignoto. Invece di speranza unsatiated troviamo la pace che è superiore a ogni ragione. Una calma oceanica totale del cuore, come Raffaello e Correggio rappresentato. Solo la percezione è di sinistra, la volontà è scomparso. Ma poi guardiamo con nostalgia più profonda e più dolorosa su questa condizione, al fianco del quale il nostro sorrowfulness e disperazione, al contrario, appare completamente esposti. Tuttavia, in ultima analisi, la contemplazione è l’unica cosa che ci può consolare. Se, da un lato, soffrono il dolore senza fine e duraturo lamento come il fenomeno della volontà del mondo; e dall’altro lato siamo in grado con l’eliminazione della volontà, a vedere il mondo si dissolvono e solo il nulla vuoto rimanere davanti a noi, noi accetteremo volentieri. Ciò che rimane dopo l’eliminazione totale della volontà, per coloro che sono ancora guidato da esso, è ovviamente nulla. Ma al contrario, di quelli in cui la volontà si è allontanata e si è negato, questo a quanto pare vero nostro mondo con tutti i suoi soli e vie lattee – è il nulla. Essa non rientra nell’ambito di applicazione di questo libro per discutere di tutta la filosofia di Schopenhauer, ma solo per sottolineare quei punti che potrebbero essere utili per un giudizio delle leggi della vita così come sono espressi in ideologia, scienza e arte. Il concetto centrale della filosofia schopenhaueriano, la volontà, deve essere individuato in partenza. Esso è rappresentato come ciò che è noto e ciò che è dato a ciascuno di noi direttamente. Ma se si è parlato la parola, poi nella coscienza di ogni mente ancora non ipnotizzato da Schopenhauer, appare nel senso più intimo il principio familiare al di là di interpretazione che, nonostante l’egoismo innato, spesso parla dentro di noi. Si è, molte volte nella storia dei popoli, prodotta figure indescrivibilmente potenti. Pensiamo al potere spirituale dei mistici tedeschi, come Lutero; la vita dedicati di molti uomini in lotta per un’idea; la figura del Conquistatore del mondo Il mito del 20 ° secolo 74 da Nazareth – in breve, tutte le personalità che hanno rappresentato il libero arbitrio in opposizione alla tirannia. Si può pensare a loro quando cerchiamo l’essenza dentro di noi, che è descritta dalla parola volontà, e si dice che sia noto a noi, nel senso più intimo. Ma più si legge di Schopenhauer, tanto più lo fa apparire che questa idea della volontà deve essere falsa e infantile. Infatti, la volontà è completamente diverso da tutti gli altri fenomeni. E ‘priva di fondamento e misterioso. Si tratta di un impulso potente e senza meta, che inciampa dal desiderio di desiderare. E ‘vivo dentro l’uomo e la bestia. È rivelato in impianti e pietra. Essa provoca l’acqua per tuonare le rocce. Essa provoca il magnete per disegnare il ferro e l’impianto a sparare verso l’alto. Essa provoca un uomo a essere attratto da una donna e una creatura di distruggere l’altro. La volontà, quindi, che si presume essere una unità, si fa strada attraverso una proliferazione di idee in un mondo fisico diversificata. Esso suscita la sua oggettivazione e accende al massimo stadio di una luce – l’intelletto – che è completamente dipendente su di esso e nato per il suo servizio. Sembra in tutte le direzioni per ricompensa, mostrando sempre l’obbedienza al suo padrone. Si delinea il mondo come idea. Sperimentiamo lo strano fatto che il cervello – che è il presupposto per le idee del tempo e dello spazio – si pone nel tempo e nello spazio, in modo che sia allo stesso tempo in sé e vedere attraverso la volontà disastrosa, e poi esistono soggetti puri della percezione creando opere eterne d’arte, diventando santi. Non sappiamo l’origine del potere dell’organo terziaria, l’intelletto, per imporre l’obbedienza improvvisamente sul suo tiranno invincibile, la volontà. Non lo sappiamo, ma senza la sua affermazione, il discepolo di Schopenhauer non è d’accordo incondizionatamente alla oggettivazione di estetica, l’ideologia, e così via. Ciò che è essenziale è soprattutto il riconoscimento che il fenomeno di aver collegato il naturale e metafisica in un sistema monistico uniforme è stato reso possibile qui con l’interazione di due completamente diverse interpretazioni di ciò che si deve intendere per volontà. Non ho trovato questa idea espressa in modo adeguato da nessuna parte. Certo, Rudolf Haym, nel suo studio di Schopenhauer, rifiuta molto energicamente la volontà come la spiegazione principale della natura. J. Volkelt elabora la contraddizione nell’interpretazione della volontà, ma vuole difendere la supremazia della volontà. K. Fischer è del tutto inadeguato nella sua spiegazione della volontà. Houston Stewart Chamberlain rifiuta completamente la dottrina della volontà (di cadere in un altro estremo). Mi sembra che universalmente troppo poco peso è stato immesso sul duplice uso del termine. Alcuni anni prima della pubblicazione della sua opera principale, Schopenhauer aveva considerato la volontà come qualcosa di grande e santo. Lo dice: La mia volontà è assoluta, in piedi soprattutto la corporeità e la natura di cui sopra. E ‘santa di origine, e la sua santità è senza limitazioni. Ma più tardi la sua idea della volontà ha riconosciuto il suo potere metafisico. La volontà ha assunto i colori cangianti e, come un camaleonte, è stato miscelato in modo permanente per tutta l’opera di Schopenhauer. Schopenhauer è del parere che sia per gli atti della volontà che noi siamo responsabili di quello che noi possiamo solo essere resi responsabili, dal momento che l’intelletto è un dono di Dio e la natura. La volontà è qui utilizzato nel senso che è direttamente contrario alla volontà, come appare normalmente in Schopenhauer. Normalmente è un istinto egoistico senza meta e inalterabile. Quando Schopenhauer imposta il mondo nel suo complesso propositivo in cui tutto si riferisce a tutto il resto in un’armonia incomprensibile, questa volta non è d’accordo con il concetto di una volontà cieca. La sua qualificazione opportuno che la volontà è, infatti, irrazionale, ma si comporta come se fosse razionale, è troppo insoddisfacente. Se le idee sono per rappresentare forti o più deboli oggettivazione della volontà, quindi una capacità di misurazione sarà attribuito ad un ente senza meta, in quanto più cresce obiettivo, il più differenziato diventa. Qualsiasi versione ideologica della natura è abbandonata nel sistema di Schopenhauer. Capisco un’azione umana come tale solo quando mi rendo conto suo scopo, cioè, solo quando ho presuppongo volontà creativa lotta per un obiettivo. Ma se vedo la natura come un impegno costante per scopi tanto inconsciamente come propositivo, poi ho presuppongo un principio ordinatore, indipendentemente da come è stato creato, in anticipo di qualsiasi folle, cieca, volontà senza meta. Una cosa deve essere intesa in modo chiaro. Con la sola parola saranno, due concetti fondamentalmente diversi devono essere descritte. Quello allude ad un principio contrario di tutta la natura con il suo impegno diretto esclusivamente e semplicemente alla conservazione di sé; l’altro caratterizza l’essenza di egoismo. In breve, dobbiamo distinguere la volontà e l’istinto. Will è sempre l’opposto di istinto e non identica ad essa, come Schopenhauer sembrava insegnare. La differenza tra la volontà e l’istinto non è quantitativa ma qualitativa.Se sento che qui Schopenhauer aveva ragione – che un desiderio animale rivolta completamente a sensi e inconsciamente che appaiono all’interno del cerchio di coscienza domina unassailably e rivela tutto il suo scopo in particolare nella sua esistenza e la sua assertività – così posso, se io sono un poeta , concepire anche un istinto simile nei regni vegetale e minerale. Non posso fare un’analogia poetica nelle fondamenta di una concezione filosofica del mondo. Non posso farlo razionalmente o senza essere coinvolti in un circolo vizioso. Sono costretto a stabilire che gli altri fattori lavorano contro il desiderio, altri fattori che incarnano altri principi. La ragione è coestensiva e conterminous con questo principio. E ‘solo in grado di superare il giogo del cieco istinto. Deve essere parzialmente o totalmente condizionato attraverso il cervello, ma non è prodotto da esso. Un organo semplicemente non può concepire se stesso. Sono costretto ad ammettere che la mia volontà è diviso in due parti: sensualmente istintivi e supersensuously voluto. Queste sono le due anime che Faust sentiva nel suo petto. Solo un cieco dogmatismo può rappresentare questi due principi separati da uno stesso. Se Goethe sentito completamente a bassa voce, ma molto percettivamente, una voce che gli diceva quello che doveva essere fatto e ciò che dovrebbe essere